Il carro agricolo
  | HOME | Santu Lussurgiu | Sardegna | Album fotografico | Video | Contatti | Link |
 
 
Il grosso paese appare all'improvviso, adagiato in una profonda conca al riparo dei venti a 500 m. d'altitudine. Fa parte del Montiferru e si sviluppa all'interno di un cratere di origine vulcanica, le cui case presentano la tipica struttura a torre e le strade, ripide e tortuose, s'incrociano nel centro storico conservando ancora l'acciottolato.
Santu Lussurgiu si trova nella parte centro-occidentale della Sardegna ( Prov. di Oristano ) e nel versante nord-occidentale della catena del Montiferru, una delle zone più suggestive della Sardegna, raggiungibile dalla S.S.131 Carlo Felice, attraverso gli svincoli di Macomer, Abbasanta, Paulilatino e Tramatza.
Il sito è online dal 01/12/2003 
 
MENU
Il carro agricolo lussurgese (6 di 7)

Aspetti linguistici
----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Proverbi e massime

1 Pretenner boe ken’annu (Pretendere l’impossibile)
Trad. lett.:Pretendere bue senza anno. Cioè pretendere che sia bue senza aver compiuto l’anno; ossia pretendere di avere un giogo idoneo prima che la coppia abbia raggiunto l’età adeguata.
2 Boe solu non tirat carru (L’unione fa la forza)
Trad. lett.: Bue solo non tira carro. Cioè un solo bue non può tirare i carro. Argutamente lo si dice anche quando si vuole offrire il secondo bicchiere di vino.
3 Mezzus carru annanne chi non carru abbarradu (Meglio poco che niente)
Trad. lett.: Meglio carro che vada piuttosto che resti. Cioè, meglio che il carro faccia strada, anche se lentamente, piuttosto che rimanga fermo.
4 – Carru annanne, camminu faghet (Strada facendo cammin si fa)
Trad. lett.: Il carro, camminando fa strada.
5 Balet prus s’abba ‘e arbile chi non su carru ‘e don Basile (Ogni goccia d’aprile vale un barile)
Trad. lett.: Vale più la pioggia d’aprile che il carro di don Basilio.
6 Sa peus linna ‘e su carru tzirriat (Le teste di legno fan sempre del chiasso)
Trad. lett.: Il legno più scadente del carro cigola.
7 – Cartas cantan in correddu (Carta canta e villan dorme)
Trad. lett.: Le carte cantano dentro il corno. Cioè, i documenti che comprovano le mie affermazioni sono ben custoditi.
8 – Brulla brulla e tocca lu corru (Scherzando mi offendi)
Trad. lett.: Scherza scherza e mi tocchi il corno.
9 – A prus de sos corros, battor dinaris (Cornuto e bastonato)
Trad. lett.: Oltre le corna, quattro danari.

Metafore e similitudini

1 – Si linghen sa ‘itta ‘e su loru pari pari (due persone perfettamente solidali fra loro)
Trad. lett.: (I due buoi) leccano vicendevolmente i capi delle loro cinghie.
2 – Fagher s’anca in trotza (Fare delle finte con le gambe per sfuggire all’avversario)
Trad. lett.: Attorcigliare le gambe.
3 – Custu est su bussu (Questo è il nocciolo della questione)
Trad. lett.: Questo è il mozzo della ruota.
4- Fagher su carriarzu (Fare lo schiavetto)
Trad. lett.: Fare il facchino.
5 – S’ogu est carranne (Occhio ammalato che secerne umore)
Trad. lett.: L’occhio sta trasportando la cispa.
6 – Su carrafaulas (Denominazione scherzosa del titolo dell’almanacco popolare “Il gran pescatore di Chiaravalle”
Trad. lett.: Il trasporta bugie.
7 – Annat che tracca (Fila alla perfezione)
Trad. lett.: Va come un carro da festa.
8 – Iscrebigadu tagatene (Che ti rompa l’osso del collo)
Trad. lett.: Che ti trovino scapicollato.
9 – Carrabusu (Scarabeo)
Trad. lett.: Trasporta sterco.

. ...................................(SEGUE >> ) ( <<INDIETRO )

Il Paese
La Storia
Il Montiferru
Flora
Fauna
Tradizioni
Manifestazioni
Piatti Tipici
   
San Leonardo di Siete Fuentes
 
La Sardegna
Storia
Costa
Entroterra
 
 
Il Carro Agricolo lussurgese

 
Realizzato da Francesca B. - Copyright  © schibot.org - Tutti i diritti riservati