Sos Gosos
  | HOME| Santu Lussurgiu | Sardegna | Album fotografico | Video | Contatti | Link |
 
 
Il grosso paese appare all'improvviso, adagiato in una profonda conca al riparo dei venti a 500 m. d'altitudine. Fa parte del Montiferru e si sviluppa all'interno di un cratere di origine vulcanica, le cui case presentano la tipica struttura a torre e le strade, ripide e tortuose, s'incrociano nel centro storico conservando ancora l'acciottolato.
Santu Lussurgiu si trova nella parte centro-occidentale della Sardegna ( Prov. di Oristano ) e nel versante nord-occidentale della catena del Montiferru, una delle zone più suggestive della Sardegna, raggiungibile dalla S.S.131 Carlo Felice, attraverso gli svincoli di Macomer, Abbasanta, Paulilatino e Tramatza.
Il sito è online dal 01/12/2003 
 
MENU
Sos Gosos
La Storia del Santo Il Cavallo La Sagra di S.Lussorio

Nei “gosos”, sono esaltate le qualità esemplari e  miracolose dei santi ai quali vengono dedicati. In tutte le conclusioni degli inni  ci si rivolge al Santo con la richiesta di  una grazia per se, per i parenti o per la comunità. Bisogna rilevare che ancora oggi i momenti della vita e il ciclo delle annate agricole coincidono con le  varie feste dedicate, ora  a questo ora a quel santo e tutti hanno i loro “gosos”. Questo fatto  consente di ipotizzare che gli inni abbiamo subito influenze ideologiche provenienti da formule magiche. Oppure, si può pensare che essi, sostituiscano una condizione di credenze  che, in situazioni esistenziali, si trasformano  in preghiere  magiche. Gli inni sarebbero quindi un rituale religioso più ampio. La produzione dei “gosos”, in Sardegna è ancora vastissima, per questo motivo si presenta difficile una dettagliata classifica degli innumerevoli contenuti, tuttavia si può restringere il campo a tre filoni. 

Infatti, se nei gosos dedicati alla Madonna, sono presenti espressioni di lode celebrativa, di contemplazione e di esaltazione e se nei gosos dedicati al Cristo, non si chiedono grazie materiali, ma la virtù  per non peccare più, nei gosos dedicati ai diversi santi ci si rivolge all’intercessore, con un rapporto che è più  umanizzato, un rapporto basato tra promessa o voto e grazia da ricevere. Si ritiene che i canti religiosi come i gosos  ufficialmente non sono approvati dalla gerarchia della chiesa ma sono abbondantemente usati nelle prassi liturgiche delle funzioni religiose. La maggior parte degli inni sacri e delle preghiere è stato prodotto da preti o da religiosi. Gosos simili, a questo, si avvicinano ai contenuti delle “historie”, che sono usate sia in Sardegna che in altre regioni, come scongiuri contro o per ottenere qualcosa, in questi gosos, si narra con ampiezza di dettagli, la storia di un santo, nel nostro caso quella di San Lussorio. 

Sos Gosos in onore di San Lussorio martire

Cavaglieri de altu gradu
De Sardigna risplendore
Siades nostru intercessore
Santu Lussurgiu Avvocadu

1) In Calaris chi est emporiu
De Sardigna corte illustre
Naschistis su piùs illustre
E cun misteriu notoriu
De Lussurgiu e de Bissoriu
Su nomen bos han dadu

2) Lughe naschidu e ardente
lndicat su nomen bostru
E gasi su regnu nostru
Illustrestis rispendente
Pro Deus Onnipotente
L' hazis totu infiarnmadu

3) In sos gentiles errores
Passsestis sa gioventude
Dogni morale virtude
Osservestis a primore
In militares onores
Fistis tant' esaltadu.

4) Sa ostra cunversione
Succedesit pro avventura,
Chi leggende sa scrittura
Certu salmu in occasione
Custa sacra lezione
Bos lassesit infiammadu.

5) Lussurgiu has ischermidu
Bene, pro ti divertire
Como deves ischermire
Pro chie t'hat redimidu
Cun sa morte chi hat recidu
E samben chi hat derramadu.

6) Cun custa oghe potente
Renunziestis cun prestesa
Su mundu, domo e ricchesa
E cun bestire indecente
Andestis pro penitente
A certu logu imbuscadu.

7) A s'occasione prima
Bos fetistis cristianu
Sende cun s'ispad' in manu
In d' unu jogh' e ischirma
Una oghe interna e firma
Gasi bos hat faeddadu.

8) Su battisimu arricestis
Pro viver a sa segura
E de sa sagrada scrittura
Orande parte istudiestis
In pagu tempus ch' istestis
Leginde tott' applicadu.

9) A prov'e Monteleone
Elegistis sa posada
In d'una grutta appartada
De commerciu de persone
Ue senza cumpassione
Bos sezis mortificadu.

10) Pustis de tant' aspresa
Andestis peri su regnu
Predicande cun impegnu
Sa cristiana grandesa,
Estirpende in cuss'impresa
Su gentilismu malvadu.

11) Tant' illustrestis sas mentes
Zegos in s'idolatria
Chi currian a porfia
A su battisimu sas gentes
De sos cales eccellentes
Martires han resultadu.

12) Oente idolatra maligna
Cun sos insoros delirios
Varios bos desin martirios
Predichende in sa Sardigna
Però sa manu benigna
De Cristos bos hat curadu.

13) A Delasiu Presidente
Si li desit sa notizia
Chi lassestis sa milizia
Pro predicare a sa gente
E cumandat prontaniente
Chi siades catturadu

14) Seguru cun ligaduras
Bos presentan a Delassiu
Chi bos tentesit de ispassiu
Cun promissas e blanduras
Pustis cun penas duras
Bos tenen ammanettadu.

15) Biende bos meda forte
In sa santa religione
Bos inserrat in presone
Fin a bos dare sa morte
Pro discurrer de ita sorte
Ilegis a esser cundennadu.

16) Timinde alcunu avvolotu
Si bos bocchin in sa corte
Ca fistis de gente forte
E bos istinian tottu
Cheret chi in logti remotu
Morgedes attormentadu.

17) De Calaris bos portesit
segretu a Fordongianu
Ue cun modu tiranu
primu bos azzottesit
bos bastonesit
ossu bos hat segadu.

18) Sa canaglia si nd' andesit
pensend'esser ispiradu
ma su Deus umanadu
luego bos visitesit;
sanu e forte bos torresit
Cuddu corpus fracassadu.

19) Sende sanu a predicare
A Logudoro torrestis
E apustis hos cherfestis
In cudda grutta inserrare
Pro bos bene preparare
A morrer martirizzadu.

20) Vivinde de custa sorte
Penitente in su desertu
De Deus istestis certu
Chi fist a prov' e sa morte
A predicare a sa corte
Luego sezis torradu

21) Torresit su Presidente
A esser notiziosu
Chi sanu e piùs animosu,
Predichestis a sa gente
Tantu piùs impaziente
A bos tenner hat mandadu.

22) Noamente su tiranu
Bos cherfesit pervertire
Però chi fit consumire
Tempus e travagliu invanu
Bos cundannat inumanu
Esser foras degogliadu.

23) A Selargiu arribados
Cun Cesellu e Camerinu
Tot' is tres unu huginu
Bos bocchcsit istestados
Fistis a Chelu portados
De anghelos chi hat abbasciadu.

24) A Calaris chi torresin
Sos ministros infernales
E pro pastu a sos animales
Sos corp~s santos bettesin
Sos cristianos bos cogliesin
E cun pompa han interradu.

25) Già chi travagliu e sudore
Bettestis pro custu regnu,
Servindenos cun impgnu
Pro Deus nostru Signore
Pro chi grazia e favore
Tengamos asseguradu

26) lstrangios e naturales
Accudin meda devotos
A domo ostra cun votos
Pro sas dolenzias e males
Chi cun manos Iiberales

Il Paese
La Storia
Il Montiferru
Flora
Fauna
Tradizioni
Manifestazioni
Piatti Tipici
   
San Leonardo di Siete Fuentes
 
La Sardegna
Storia
Costa
Entroterra
 
 

 

Realizzato da Francesca B. - Copyright  © schibot.org - Tutti i diritti riservati